Post in evidenza

BenVenuti

Benvenuti nel mio neonato blog!!!!  Ormai le foto, gli appunti e le informazioni stavano diventando troppe per una pagina di Facebook, ...

lunedì 2 maggio 2016

Gradi Brix e rifrattometro

Brix... cos'è questo nome strano??? e che ci dobbiamo fare??

Il Brix è un'unità di misura, che deve il suo nome allo studioso Adolf Ferdinand Wenceslaus Brix.

Più precisamente il grado Brix (°Bx) misura le quantità di sostanze solide dissolte in un liquido...
1° Brix = 1 parte di sostanza solida (peso secco) dissolta in 99 parti di liquido...

perfetto direte voi...e che vuol dire???

Prendiamo ad esempio uno sciroppo di zucchero...
poniamo che sia uno sciroppo a 25° Brix...

secondo quanto detto sopra, questa soluzione è composta quindi di 25 parti di solido dissolto in 100 parti di liquido totale

quindi.... questo sciroppo contiene 25 grammi di zucchero e 75 gr di acqua.

E' fondamentale nell'industria alimentare, dove si applica per verificare quanto zucchero è contenuto nelle verdure, nella frutta (e quindi marmellate e confetture, frutta candita), nel vino, nelle bibite, nella birra e nei prodotti intermedi del comune zucchero da tavola,  così come per misurare la salinità dell'acqua; utilizzato comunque anche nelle apicolture, nelle industrie di saponi/solventi e in medicina e veterinaria.

Il Brix è anche utilizzato per misurare il contenuto alcolico nel vino e nella birra.

Come faccio a misurare il grado Brix??

Esiste uno strumento chiamato rifrattometro. 

Come un microscopio è dotato di un vetrino su cui si mette una piccola parte della sostanza da misurare. Si guarda dentro in controluce e lo strumento indica un numero fino a 90°Brix (nel caso del rifrattometro utilizzato per la frutta) corrispondente alla quantità di zucchero contenuto dalla sostanza esaminata.

Il rifrattometro, come indica il nome stesso, sfrutta la rifrazione della luce in base alla quale un raggio di luce che attraversa un'interfaccia tra due sostanze diverse (esempio marmellata e vetro del prisma) devia dal suo percorso lineare in modo proporzionale al rapporto tra gli indici di rifrazione delle due sostanze. Nel caso della marmellata, la luce devia in modo proporzionale alla densità della marmellata stessa e quindi al suo contenuto di zucchero.

Comunque è più facile da usarsi che da spiegarsi.....

Nessun commento:

Posta un commento

Benvenuti nella sezione commenti. Fate pure tutte le domande, risponderò entro il giorno seguente...